ozonoterapia rosenthal

L’ozono terapia è una terapia non convenzionale che sta prendendo sempre più piede in veterinaria.

Cos’è l’ozono terapia

L’ozono è un potente ossidante, instabile e che reagisce con altre molecole se mescolato in soluzione acquosa ed è quindi in grado di creare una forte reazione ANTIOSSIDANTE nell’organismo.
In particolare, quando viene miscelato al sangue (GAET cioè Grande Auto Emo Trasfusione)  e quindi reiniettato per via endovenosa nell’organismo,  crea varie reazioni tra cui:
– la cessione di più ossigeno ai tessuti, attraverso i globuli rossi
– la formazione di altri antiossidanti, contrastando in loco ed in modo estremamente efficace l’infiammazione
– stimolo dei  processi riparativi
– riduzione dell’atrofia muscolare (grazie alla maggior ossigenazione da cui ne deriva)

ozono terapia

Macchina per ozono terapia

Questo è ciò che avviene nelle GAET, nell’infusione cioè di sangue del soggetto miscelato all’ozono e trattato adeguatamente. (Questo il caso in un cane)
L’obiettivo della terapia è quello di ristabilire l’equilibrio tra i sistemi di antiossidanti e radicali liberi, arrivando addirittura alla loro diminuzione. Ecco a cosa serve l’ozono terapia veterinaria.
E’ possibile iniettare ozono, opportunamente preparato, anche localmente con la Piccola Auto Emo Trasfusione.
Questa ha una azione decontratturante, con immunostimolazione ed attivazione dei processi metabolici.

I suoi effetti terapeutici sono dovuti alle proprietà biochimiche che influenzano in vario modo il metabolismo glucidico , lipidico, protidico.

Ha proprietà:

  • Battericide – per azione diretta del gas nei confronti dei componenti lipoproteici della capsula batterica
  • Fungicida – probabilmente nella fase di crescita del fungo
  • Antivirale – l’ozono aumenterebbe il contenuto di perossido nella cellula infetta determinandone la dissoluzione prima della replicazione virale
  • Immunostimolante – a carico dei linfociti e monociti con rilascio di citochine .

L’ozono terapia trova applicazione in svariate patologie soprattutto da disturbi della vascolarizzazione, (apparato circolatorio) flebopatie, ulcerazoni, patologie osteo articolari ed anche per il trattamento delle fistole perianali.