allergie-cane

Allergie di cane e gatto: il test allergico è anche per loro.

L’allergia è una malattia del sistema immunitario caratterizzata da reazioni eccessive portate da particolari anticorpi nei confronti di sostanze abitualmente innocue come ad esempio pollini.

Non solo noi umani siamo soggetti a reazioni allergiche ma anche i nostri amici animali.

Ben il 45% degli animali soffre di allergia: quelle ambientali si presentano in particolar modo in primavera ed estate, mentre quelle da contatto, alimentari in tutto il periodo dell’anno.

Non sono sempre facili da diagnosticare.
Spesso una reazione a un cibo o a sostanze presenti nell’ambiente può provocare sintomi non molto chiari. Ma esattamente come accade nell’uomo, le allergie sono fastidiose e debilitanti anche negli animali.
Ci vuole molta dedizione, cura e osservazione per individuarne la causa.

Le allergie dei cani e gatti: ecco le più comuni.

Le allergie principali negli animali sono:

L’allergia da contatto riguarda tutti i materiali: i detergenti, le creme e simili che rientrano nel nostro quotidiano.
Anche un tappeto, oppure una moquette, detergenti per pulire i pavimenti o creme corpo e profumi che utilizziamo in prima persona.
Una serie di elementi che magari possono minare la salute dei nostri animali domestici.

Le allergie alimentari ovviamente riguardano il cibo del quale si nutre il nostro animale domestico, invece quelle parassitarie solitamente sono provocate da pulci e acari che condizionano spesso anche la salute del pelo.

Infine quelle ambientali sono prodotte dal luogo che ci circonda. Un animale può sviluppare allergie nei confronti della muffa, di alcune erbe o pollini, oppure erbe infestanti e pulviscoli che girano trasportati dal vento.

Quali sintomi ha un cane o gatto allergico?

Spesso l’animale si gratta e si morsica, provocandosi graffi, eruzioni cutanee, ferite, infezioni purulente.
Anche il leccamento continuo è sintomo di disagio.
Può arrivare ad avere problemi intestinali e/o vomito si può presentare anche con otiti ricorrenti e pruriginose, scoli oculari, starnuti e crisi asmatiche.

Come accorgersi di cosa è allergico il tuo pet?

Il test allergico è il miglior modo per capire di cosa è allergico il tuo pet

Presso le nostre strutture è possibile effettuare dei test che valutano i tipi di allergie.
Un semplice prelievo di un campione di sangue, che verrà spedito ad un laboratorio specializzato americano, che testerà ben 92 diversi allergeni tra cui pollini di erbe, alberi, funghi, polvere di casa, cibo e peli animali e forfora umana.
I risultati ci permetteranno di effettuare una terapia di desensibilizzazione (un vaccino) che vi aiuterà ad affrontare l’allergia del vostro amico.
La terapia consiste nella somministrazione degli allergeni in dosi sempre più elevate per mezzo di iniezioni sottocutanee.

L’obiettivo è quello di «abituare il corpo all’allergene» e costituire una protezione immunologica che eviti altre reazioni allergiche.

Per le allergie alimentari ovviamente bisognerà invece affrontare una alimentazione strettamente privativa dell’alimento a cui il soggetto è allergico.

Hai bisogno di un consulto? Il tuo amico peloso si gratta a più non posso?? Contattaci!
Oppure lascia un commento qui sotto!
E se vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità riguardanti malattie e terapie dei tuoi amici pelosi, iscriviti alla nostra newsletter!

8 commenti
  1. stefania
    stefania dice:

    buongiorno ho un maltese di 5 mesi, dal 3° mese, quando l’ho portato a casa, ha mangiato crocchette e umido con pollo. ho notato che si grattava ripetutamente e quindi ho cambiato le crocchette prendendo quelle di pollo ma bio. dopo 3 settimane senza risultati gli ho comprato delle crocchette di pesce, pensando che il problema fosse il pollo. oggi ancora si gratta e stamattina si è ferito alla testa. cosa si può fare per capire cosa gli da allergia o intolleranza?
    grazie

    Rispondi
  2. Elisa
    Elisa dice:

    Buongiorno, ho due gatti ma solo uno dei due quando arriva il mese di luglio si gratta e si lecca a tal punto da lesionarsi. Ho fatto tutti gli esami del sangue per alimenti non è allergico a nulla idem per le ambientali. La dermatologa con l’ultimo consulto mi ha detto di rifare la dieta privativa con lo z/d perché la precedente dieta fatta con forza 10 data dalla veterinaria non andava bene a detta sua. Da circa 20 giorni con questa dieta il gatto continua a scrollare la testa si gratta e si lecca poco ma lo fa ancora. Sono demoralizzata anche perché al gatto non piace molto l’umido dello zd e.mangia solo secco ed è dimagrito, cosa posso fare? Dimenticavo è stato trattato anche con gli antiparassitario. Grazie e buon anno!

    Rispondi
  3. Francesco
    Francesco dice:

    Mi riaggancio al msg di Stefania. Maltese 4 anni con croste e lesioni da fregamento sulla citr. Dal pollo all’agnello e loi al salmone. Risolto otite e lacrimazioni ma crosticine ancora presenti con perdita fi pelo nella parte posteriore. Si gratta e si leçca di continuo. Grazie

    Rispondi
    • Veterinario Rosenthal
      Veterinario Rosenthal dice:

      Vi chiedo scusa per il ritardo nella risposta … avevo semplicemente smaritto la password per entrare in word press.
      Qui stiamo parlando di una allergia (intolleranza alimentare) che potrà sicuramente essere risolta quando sapremo “nome e cognome” degli allergeni.
      Vi invito a chiamarmi in Clinica: sarò felice di aiutarvi.
      Buon pomeriggio.

      Rispondi
  4. cristina bonzanino
    cristina bonzanino dice:

    Buongiorno,
    gentilmente vorrei avere qualche informazione in più su questo test e sulle sue modalità per il mio cane, al quale è stata diagnosticata una enterite linfo plasma cellulare grave, che sembra non migliorare con l’utilizzo delle proteine idrolizzate. Mi sono chiesta se, oltre al problema di fondo del sistema immunitario, non vi sia anche come concausa una qualche intolleranza che possa incidere.
    Grazie.

    Rispondi
    • Veterinario Rosenthal
      Veterinario Rosenthal dice:

      Vi chiedo scusa per il ritardo nella risposta … avevo semplicemente smaritto la password per entrare in word press.
      Vi invito a chiamarmi in Clinica: sarò felice di aiutarvi.
      Buon pomeriggio.

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *